ITALIANS NETWORK ... Associazioni Italiane Nel Mondo

Brexit, Conseguenze per la Ricerca Italiana



Il tema della conferenza tenutasi il 30 Giugno a Londra presso il King's College, Conference of the Italian Academics and Researchers in the United Kingdom, e' stato proprio quello di esaminare quali saranno le conseguenze per i ricercatori e gli studenti Italiani quando la Gran Bretagna scioglierà i suoi legami diretti con il resto dell'Europa.
Questa conferenza è stata organizzata dall'Ambasciata di Londra e dalla Association of Italian Scientists in the UK.

La conferenza è stata aperta da Pasquale Terracciano, Ambasciatore Italiano, ed ha visto la partecipazione del Professsor Massimo Inguscio, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, del Ministro Fabrizio Nicoletti, del Professor Antonio Guarino, Presidente dell'organizzazione organizzatrice e di varie altre personalità del mondo accademico e scientifico Italiano e Inglese.

In Inghilterra lavorano oggi circa 5.000 fra scienziati ed accademici Italiani.
Persone di alto livello che coprono le piu' svariate discipline dalle scienze fisiche a quelle ingegneristiche, dalle biomediche alle sociali ed umane.
Una comunità scientifica internazionale seconda solo a quella Tedesca.

L'Inghilterra del resto era stata sempre presa a modello per gli alti risultati ottenuti nel campo della ricerca scientifica.
Risultati che oggi, con la Brexit, sembrano essere messi a rischio o per lo meno si ritiene necessario un cambio di strategia che permetta un rapido adeguamento ai cambiamenti in essere.

Colpisce in particolare il fatto che l’Ufficio Scientifico dell’Ambasciata d’Italia a Londra ha condotto un sondaggio su un campione di circa 650 accademici italiani che lavorano nel Regno Unito e l’82% di questi ha dichiarato di voler trasferirsi o di considerare la possibilità di farlo come effetto della decisione britannica di lasciare l'Unione Europea.
Cosa forse non del tutto negativa, vista che ben un terzo degli intervistati ha dichiarato di voler ritornare in Italia.

Naturalmente si teme, e sarà inevitabile, un forte effetto negativo a conseguenza della fine dei generosi finanziamenti promossi dall'Unione Europea.

Nel corso della Conferenza sono stati consegnati i Premi “ItalyMadeMe” a recenti laureati e dottori di ricerca italiani che lavorano nel Regno Unito e si sono distinti per le loro ricerche.


Notizia Flash
--
Redazione – Italiansnet.it
www.italiansnet.it
redazione@italiansnet.it
Redazione Italiansnet.it - 2017-11-24